Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Facebook  

Viaggiare con la mappa

Ultimo Aggiornamento: 22/09/2017 15.37
Autore
Stampa | Notifica email    
OFFLINE
Post: 3.698
Città: NAVE
Età: 47
Sesso: Maschile
22/09/2017 15.37

"Un adolescente senza una missione è come una casa che si costruisce senza un progetto. Ecco alcune proposte per crearne uno."

NIENTE PROGETTO? NIENTE MISSIONE!

Immagina di essere al palazzetto dello sport a guardare una partita di pallacanestro. Hai aspettato tutta la settimana questo momento. Ma appena le squadre cominciano a giocare, vedi subito che c'è qualcosa di storto. La squadra di casa imposta l'azione, ma quando tira - ti accorgi che manca il canestro! La palla rimbalza sul tabellone, e gli avversari se ne impossessano. Attaccano, tirano ma - di nuovo - c'è il tabellone senza il canestro. Giocano una partita senza canestri! Entrambe le squadre giocano benissimo, e il pubblico applaude perché tirano come se il canestro ci fosse ma, sfortunatamente, è solo nella testa dei giocatori e del pubblico. Non esiste il canestro. Non ci sono punti. E a nessuno sembra importare qualcosa.

Sembra ridicolo? Qualsiasi sport è inutile se non c'è un punteggio e una classifica. Ogni campo di pallacanestro ha un termine - e in fondo ci sono i tabelloni con i canestri. Ogni campo di calcio ha le porte. E' questo che rende il gioco bello e attraente. I giocatori sanno che in campo hanno un compito!

Purtroppo, ci sono molti adolescenti che non conoscono il loro compito nella vita. E se lo conoscono, si sono dimenticati di come viverlo. Il risultato? Una vita che ha lo stesso scopo e lo stesso divertimento di una partita a pallacanestro senza canestri sui tabelloni.

UN UOMO CON UNA MISSIONE

Dalla prigione, l'apostolo Paolo scrive ai cristiani di Filippi, in Grecia: «Desidero che sappiate, fratelli, che le mie vicende si sono volte piuttosto a vantaggio del vangelo, al punto che in tutto il pretorio e dovunque si sa che sono in catene per Cristo; in tal modo la maggior parte dei fratelli, incoraggiati nel Signore dalle mie catene, ardiscono annunziare la parola di Dio con maggior zelo e senza timore alcuno. Alcuni, è vero, predicano Cristo anche per invidia e spirito di contesa, ma altri con buoni sentimenti. Questi lo fanno per amore, sapendo che sono stato posto per la difesa del vangelo; quelli invece predicano Cristo con spirito di rivalità, con intenzioni non pure, pensando di aggiungere dolore alle mie catene. Ma questo che importa? Purché in ogni maniera, per ipocrisia o per sincerità, Cristo venga annunziato, io me ne rallegro e continuerò a rallegrarmene.» (Filippesi 1, 12-18)

E' chiaro che Paolo scrive dalla prigione. Non era libero di fare quello che desiderava. Era chiuso in una cella, per di più incatenato, in attesa di un processo che sapeva bene avrebbe potuto concludersi con la pena di morte. Ma hai visto che libertà interiore ha quest'uomo? Sembra quasi che non gli importa niente di quello che sta passando e di quello che gli potrebbe succedere! Scrive: «Desidero che sappiate, fratelli, che le mie vicende si sono volte piuttosto a vantaggio del vangelo, al punto che in tutto il pretorio e dovunque si sa che sono in catene per Cristo...»

Paolo aveva una missione che viveva dovunque fosse, anche nelle situazioni più difficili. Lui voleva parlare di Gesù a quante più persone possibili - in ogni circostanza. Era un uomo guidato da una missione.

Tutti noi abbiamo "prigioni" nelle nostre vite. Alcuni di noi hanno la prigione della famiglia. Altri la prigione dei soldi. Altri ancora hanno la prigione della scuola, la prigione del carattere, la prigione dei sentimenti, la prigione del sesso, la prigione degli spinelli. In ogni caso si tratta di prigioni vere e proprie. Paolo ha affrontato la sua prigione mosso da un motivo: voleva vivere per Gesù! E quando lo ha fatto, Dio ha usato la prigione di Paolo per far crescere Paolo e il Regno di Dio! Anche tu devi essere mosso da una missione o da un progetto. Devi afferrarti a una "causa" che è così grande che nessuna circostanza ti può impedire di viverla.

PERCORRI IL SENTIERO DI DIO?

Eccoti cinque domande da chiedere a Dio per essere sicuro di scoprire la missione che Lui ha per la tua vita - senza inventartene una di testa tua.

1. Dio, che progetto hai per il mondo, e come posso aiutarti? La tua missione non comincia a partire dai tuoi programmi, ma dal progetto che Dio ha sul mondo (Lui vuole che tutte le persone lo conoscano e siano felici). Ogni progetto di vita cristiano dovrebbe essere incentrato attorno all'amore di Dio, all'amore per le persone e a far conoscere Gesù a tutti.

2. Dio, che ruolo devo avere per cercare di mostrare Gesù agli altri? La tua missione dovrebbe riflettere la tua personalità, i tuoi talenti, le tue passioni... Sarà diversa da quella di qualsiasi altro, perché tu sei un componente unico e irripetibile nel Corpo di Cristo che è la Chiesa. Più avanti ("Cammina con le tue gambe") ci sono delle indicazioni a questo riguardo

3. Dio, chi beneficierà dei miei talenti e con chi Ti servirò? Se vuoi essere un riflesso dell'amore di Dio, allora il tuo progetto di vita deve includere altre persone. Nessuna missione dovrebbe essere compiuta da soli. Siamo chamati a essere parti di un Corpo (1 Corinzi 12, 14-20). Non esiste progetto di vita che non sia servizio agli altri - e fatto in collaborazione.

4. Dio, quali sono i miei valori, idee e priorità che sono secondo il Tuo cuore? Solo quando hai qualcosa per cui vale veramente la pena morire hai qualcosa per cui vale davvero vivere. Gesù è morto in croce per essere fedele fino in fondo alla missione che aveva ricevuto da Dio suo Padre. I valori che vivi devono essere anche quelli che ti cambiano la vita! In quello che attualmente vivi moltissime cose sono da mantenere, ma alcune altre devono proprio essere cambiate o abbandonate.

5. Dio, in che modo l'ambiente in cui vivo sarà differente a causa della mia presenza? Se cerchi di realizzare il progetto di Dio per la tua vita, in qualche modo l'ambiente intorno a te cambierà. Un progetto ha delle conseguenze pratiche, verificabili. Cosa vorresti che la tua presenza cambiasse nella vita delle altre persone?

CAMMINA CON LE TUE GAMBE

La missione che Dio ha per la tua vita non è qualcosa che tu "crei", ma qualcosa che scopri. Dio te l'ha messa dentro - nel momento in cui ti ha creato. Le indicazioni che seguono vogliono aiutarti a scoprire il Suo progetto su di te. Le tue risposte cambieranno mano a mano che Dio ti fa capire cose nuove. Ma per il momento è già abbastanza che tu prenda in mano la tua Bibbia, una penna e un quaderno, ti metta in un posto tranquillo e cerchi di esaminarti su questi punti.

1. Analizza le tue doti naturali e i tuoi doni spirituali.< Per predisposizione naturale, che cosa sei capace di fare? Ti piace organizzare, stare con i bambini, giocare, fare del volontariato, ecc.? Che dono hai scoperto in te da quando hai cominciato a partecipare attivamente alla vita del gruppo o della parrocchia?

2. Guarda i risultati. Tra le attività che fai, quali ti dà maggiori risultati? Per chi ama la musica, per esempio, potrebbe essere la capacità di suonare per un certo tipo di spettatori. O dopo le prove, quando riesci a parlare a fondo con un amico.

3. Considera il grado di soddisfazione. Qual è l'attività che più ami fare? Hai mai fatto qualcosa che ti ha appagato completamente?

4. Cosa gli altri ti riconoscono. Che dicono gli altri a tuo riguardo? Quando è che ricevi molti complimenti? Che doti ti riconoscono? Se non sei sicuro, chiedi!

5. Afferra le opportunità. Guardati intorno. La missione che Dio ha per te in questo momento probabilmente ce l'hai sotto il naso. Cerchi le occasioni o aspetti che ti caschino addosso?

PENSA, SCRIVI E DATTI DA FARE

Ci sono alcune cose ricorrenti nelle tue risposte? Allora devono essere incluse nel tuo progetto di vita. Nello scriverlo sii molto specifico. Per esperienza so che un progetto di vita è davvero efficace quando lo si può verificare con un sacerdote o qualche altra persona qualificata. Ora, comunque, la sfida è... viverlo! Ti assicuro che cambierà la tua vita e quella degli altri! Che aspetti...?
VBA - Creare Fogli in Cartella di Lavoro con numerazione progressivaExcel Forumcon13/12/2018 16.57 by raven286k1
Internet con il cellulare da domani 6 dicembreCuba Facilecon06/12/2018 15.22 by cocoloco
È così, mi sento più a mio agio con voi atei ed agnostici, che con certi credenti APOCALISSEcon14/12/2018 00.10 by kelly70
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
 | 
Rispondi
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 17.43. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com